Menopausa e aumento di peso, come inquadrare e come fermare l’aumento di peso in menopausa in modo naturale ed efficace.

Capire perché si verificano gonfiore e aumento di peso in menopausa ti aiuterà a renderti conto che si tratta di fenomeni del tutto normali e comuni a moltissime donne, ma soprattutto a intervenire con il sistema corretto. Ecco le spiegazioni e i consigli dei nostri esperti.

 

Aumento di peso in menopausa: perché succede?

In premenopausa e dopo l’interruzione della fase fertile è normale notare un cambiamento nel proprio peso: si può prendere qualche chilo, si accumulano frequentemente cuscinetti sulla zona addominale (ingrassamento “a mela”), e dimagrire sembra più difficile.

La responsabilità principale è dovuta ai cambiamenti ormonali: diminuisce la produzione di estrogeni, i cosiddetti “ormoni femminili”, e questo comporta la comparsa di alcuni tipici sintomi fra i quali, appunto, l’accumulo di adipe un po’ più ostinato.

Il metabolismo cambia e tende a “rallentare” e il fabbisogno energetico muta: il tuo corpo ha bisogno di un apporto di calorie e di nutrienti differente rispetto a prima.

A questo si aggiunge il naturale processo di invecchiamento: dopo i 50 anni è assolutamente normale che i tessuti subiscano una perdita di tono, sia a livello muscolare che cutaneo, provocando qualche inestetismo che può mettere in crisi l’immagine che hai di te e del tuo aspetto.

Niente paura: per prima cosa ricorda che la tua bellezza si accorda con il tuo tempo ed è fatta di tanti elementi, non di una taglia da teenager o di una pelle da filtro Instagram!

Se vuoi prenderti cura di te e del modo in cui appari nello specchio, e capire come perdere peso in menopausa nel modo più equilibrato, puoi seguire con serenità i consigli che seguono.

 

Controllare il peso in menopausa: un circolo virtuoso

Sembra banale dirlo, ma regolare l’alimentazione è davvero il punto più importante in un percorso volto a perdere peso in menopausa.

Non si tratta solo di mangiare un po’ meno e seguire una dieta bilanciata (certamente ottima abitudine di per sé), ma di considerare il cibo come un alleato della tua salute a tutto campo: alimenti elaborati, molto salati, ricchi di grassi saturi non solo aumentano la ritenzione idrica e l’aumento di peso, ma peggiorano alcuni sintomi (come le vampate e l’insonnia) e fanno salire il rischio di patologie tipiche dell’età: ipertensione, obesità, diabete, squilibri metabolici.

Lavorare sulla nutrizione corretta aiuta davvero a prevenire questi problemi:

  • Includi nella tua dieta alimenti antiossidanti che contrastano l’opera dei radicali liberi, responsabili del processo di invecchiamento: frutta (soprattutto uva, mirtilli, agrumi), ortaggi (cavolacei e verdure a foglia), frutta secca, pesce azzurro…
  • Privilegia i carboidrati complessi a lento assorbimento, come i cereali integrali: oltre ad apportare un “pacchetto” di nutrienti più vario, saziano di più senza alzare troppo la concentrazione di zuccheri nel sangue.
  • Non dimenticare l’importanza dell’idratazione: sì all’acqua naturale, no a bibite gassate e zuccherate. Limita il consumo di bevande eccitanti (tè, caffè, energy drink) e soprattutto di alcool.

 

Menopausa aumento di peso e attività fisica

Affiancare alla dieta un esercizio fisico costante e commisurato alla tua condizione generale è molto importante, non solo per mantenere il peso forma dopo i 50 anni ma per far funzionare al meglio quella incredibile macchina che è il tuo organismo, sia sul piano strettamente organico che su quello psicologico: gli sbalzi d’umore e l’ansia influiscono infatti sul rapporto che hai con il cibo e con l’immagine corporea, e il movimento è il più naturale un regolatore dell’umore che esista.

Non occorre strafare: fatti consigliare un semplice piano che comprenda allenamento aerobico (come la camminata veloce), potenziamento muscolare e stretching, con beneficio anche sull’elasticità e flessibilità articolare.

 

Dieta menopausa: una cosa importante da sapere

Se cerchi una dieta per perdere peso in menopausa non puoi basarti sulle tabelle nutrizionali che si trovano online: oltre a non essere personalizzate in base al tuo organismo, queste corrispondono tendenzialmente a regimi standard pensati per ragazze under 40.

Lavorano, quindi, su meccanismi che non sono adatti alla fase di vita in cui ti trovi tu, e non produrrebbero quindi un risultato efficace e durevole.

Vale la pena di chiedere un consulto a un esperto, come gli specialisti di Lab Quarantadue, per ricevere un piano alimentare davvero adeguato al tuo caso e in grado di aiutarti a raggiungere un obiettivo di salute e benessere! Prenota ora il tuo consulto gratuito in ambulatorio o online.