A carnevale ogni scherzo vale, ma è proprio vero?

Oggi abbiamo fatto due chiacchiere con la nostra Nutrizionista, dr.ssa Persico per farci suggerire qualche semplice consiglio per non “ingrassare” durante questo periodo dell’anno ricco di dolci carnevaleschi: chiacchiere, castagnole, ravioli dolci e tortelli, ogni regione italiana ha le sue tradizioni e i suoi dolci preferiti.

C’è un però!

Attenzione che tutti questi dolci sono infatti ricchi di carboidrati, grassi e zuccheri, con una densità calorica media per 100 g di prodotto che varia dalle 300 alle 600 calorie!

E’ giusto condividerli in famiglia e con gli amici ma per non accumulare chili in più e godere di queste golosità si possono seguire alcune strategie.

Alcune semplici regole da seguire per non ingrassare con i dolci di Carnevale:

Presta attenzione alla quota calorica quotidiana

Cerca di “fare uno strappo” alla regola con giudizio; non devi rinunciare a festeggiare Carnevale ma è meglio scegliere dei giorni in cui farlo, non l’intera settimana ma limitandoci a due giorni (ad esempio la domenica e il martedì grasso); l’importante è che poi, nei giorni seguenti, la dieta torni alla normalità.

Non tenere i dolci in casa, ma acquistali e mangiali fuori

Se cadi con estrema facilità alla tentazione del dolci, consigliamo di non tenerli in casa a portata di mano; questo significa ridurre del 90% le possibilità di consumo.

I dolci meglio a colazione

Il migliore momento della giornata per consumare dolci di carnevale è la colazione, accompagnati da una bevanda calda (te, infusi non aggiungendo ulteriormente zuccheri!) soprattutto per chi rischia di eccedere con le quantità; in questo modo avrete davanti tutta la giornata per smaltirli.

Meglio al forno e non fritti

Un altro suggerimento, che può sembrare scontato ma non lo è, scegliere i dolci di carnevale possibilmente non fritti ma cotti al forno, non tanto per l’apporto calorico, ma per un aspetto poco considerato che riguarda il tipo di grassi utilizzati per la frittura; spesso si tratta di oli vegetali e di margarine vegetali ricavate da grassi mediocre qualità (grassi trans).

Prova a preparali tu in versione light e con ingredienti di qualità

Un ultimo consiglio soprattutto per chi si diverte a cucinare e non vuole rinunciare al dolce ma neanche al proprio benessere, cucinare dei dolci di carnevale “light” andando a sostituire per esempio la farina 00 con una farina non raffinata, lo zucchero con un dolcificante a basso indice glicemico e preferendo la cottura al forno.

Buon carnevale a tutti!