Affiancamento costante e integrato tra Nutrizionista e Psicoterapeuta


Con la rieducazione nutrizionale si ricostruiscono le scorrette abitudini alimentari del paziente in condizione di sovrappeso e obesità. L’obiettivo della riabilitazione alimentare è quello di insegnare al paziente a nutrirsi in modo sano e consapevole, rispondendo non all’impulsività ma alle reali esigenze del proprio corpo. Attraverso un affiancamento costante e integrato tra Nutrizionista e Psicoterapeuta, il paziente adotta (o riacquista) una serena relazione con il cibo e una sana gestione dei pasti.

L'importanza dell'educazione alimentare rappresenta quindi il primo ed efficace strumento di prevenzione a tutela della salute.


Alimentazione e prevenzione non sono più scindibili, così come la tutela della salute non può più prescindere da una corretta informazione. L’alimentazione è la variabile più potente per influenzare in positivo o in negativo la nostra salute e sempre più studi scientifici lo dimostrano:


American Institute for Cancer Research

Secondo l’American Institute for Cancer Research, le cattive abitudini alimentari sono responsabili di circa 3 tumori su 10.


Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro

Per il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro, il 30-40% dei tumori può essere evitato con la semplice adozione di una dieta più sana.


Fondazione per la ricerca sul Cancro

Per l’Airc il consumo di cibi di origine animale è correlato all’aumento del colesterolo, dei livelli di insulina nel sangue, dell’infiammazione del tratto intestinale e del rischio di patologie e tumori.


Organizzazione Mondiale della Sanità

Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe sufficiente introdurre un consumo sufficiente di frutta e verdura fresca al giorno per salvare ogni anno circa 3 milioni di vite.