L’edema linfatico o linfedema è una malattia vascolare causata dal ristagno di liquidi e proteine negli spazi intercellulari. Caratterizzata dal gonfiore di gambe e/o braccia, si verifica quando il circolo linfatico subisce delle ostruzioni, indebolendo così il sistema naturale di difesa rendendoci più vulnerabili alle infezioni.

Riconducibile anche a fattori di carattere ereditario, il linfedema si lega spesso a patologie come diabete e cellulite batterica, o a interventi per la rimozione di melanomi, colpendo addirittura 1 donna su 4 dopo la mastectomia – come riporta la Fondazione Umberto Veronesi.

Sebbene non esistano cure definitive per questa malattia è possibile prevenire l’edema linfatico, o migliorarne la condizione, con dei semplici accorgimenti nella vita di tutti i giorni.

Scopriamo insieme come fare in questo articolo!

Edema linfatico: come si manifesta

Il circolo linfatico costituisce un vero e proprio canale di filtraggio naturale per eliminare le tossine presenti nel nostro corpo. Dalle zone periferiche, la linfa viene sospinta dai movimenti muscolari fino al cuore, entrando poi nel sistema sanguigno.

Quando i liquidi non sono drenati correttamente, il flusso si interrompe e la linfa smette di scorrere creando delle sacche di ristagno negli arti superiori o inferiori: l’edema linfatico. Solitamente asimmetrico, si manifesta in gonfiori, discromie della pelle e prurito.

Nonostante non provochi dolore, ma un semplice senso di indolenzimento, è causa di maggiore irritabilità della cute e suscettibilità alle infezioni. Quando trascurato infatti l’edema linfatico può portare complicanze anche gravi ed è perciò necessario arginare i danni e stimolare il circolo linfatico aiutandosi anche a tavola.

La dieta per il linfedema

Esistono degli accorgimenti per prevenire l’edema linfatico, o migliorarne lo stato, partendo dalle abitudini alimentari: una dieta ipocalorica, cibi diuretici e antinfiammatori sono di grande beneficio per chi è affetto dalla patologia.

Qui trovi alcuni accorgimenti che ti consiglieranno di migliorare la tua circolazione linfatica.

Mangia più potassio

Il potassio migliora la circolazione linfatica, contrastando gli effetti del sodio. Il consiglio è di integrarne il consumo introducendo alimenti ricchi di questa sostanza nella tua dieta, come ad esempio banane, broccoli e patate dolci.

Preferisci i cibi freschi

Per ridurre la ritenzione idrica evita gli alimenti confezionati, ricchi di sale, zuccheri e conservanti. Diminuisci il consumo di insaccati, formaggi e di alimenti contenenti lievito. Preferisci i cibi freschi, e insaporisci i tuoi piatti con prezzemolo, aglio e altre verdure diuretiche come cipolla, asparagi e sedano.

Aiutati con antinfiammatori naturali

Per lenire la sensibilità della pelle e la predisposizione alle infezioni, aggiungi alla tua dieta degli integratori alimentari con azione antinfiammatoria. Ottima in questo caso, la curcuma. Il nutrizionista ti saprà consigliare la giusta quantità a seconda del tuo stato di salute.

Assumi la giusta quantità di liquidi

Sai qual è la giusta quantità di liquidi da assumere ogni giorno? L’apporto di acqua giornaliero varia tra i 25 e i 40 ml e dipende dal tuo stile di vita. Se moltiplichi il tuo peso corporeo per 30ml puoi calcolare velocemente quanti liquidi dovresti consumare ogni giorno!

Muoviti di più

Non stare seduto per lunghi periodi: alzati frequentemente e cambia posizione per evitare il ristagno di liquidi. Aggiungi del movimento alla tua routine quotidiana: 30-60 minuti di camminata al giorno miglioreranno il tuo sistema linfatico. Non sei allenato, ma senti il bisogno di cominciare a muoverti? La prescrizione dell’esercizio fisico da parte di un esperto ti potrà essere d’aiuto!

Suggerimento Extra: l’edema linfatico si cura anche in ambulatorio!

Se sei affetto da linfedema o hai paura di essere un soggetto a rischio, non è il caso di aspettare.

Valuta con un team di medici un percorso nutrizionale bilanciato. I vantaggi di rivolgerti a una struttura specializzata sono molteplici: oltre ad avere le migliori cure e monitorare i tuoi progressi, avrai a disposizione trattamenti come la massoterapia e la pressoterapia, mirati a prevenire o contrastare l’accumulo di linfa tra le cellule.

Visita subito uno specialista, prenota una visita gratuita!